Skip to content

Andiamo a teatro! Cosa cambia dal 1 Aprile

Il 31 marzo termina lo stato di emergenza proclamato dal Governo per contrastare la diffusione del Covid-19. Sebbene i dati delle ultime settimane registrino una nuova ripresa della pandemia, per effetto della mutazione del virus in nuove varianti più contagiose ma meno letali, il nostro governo ha programmato un allentamento delle misure restrittive che negli ultimi due anni hanno, di fatto, limitato le nostre azioni. Lo spettacolo dal vivo, più di tutti, è stato il settore che ha maggiormente sofferto, tra concerti annullati e stagioni teatrali saltate (la 21/22), e la ripresa non è certo entusiasmante.

In teatro soprattutto, facciamo i conti con una intera generazione (i più anziani, lo zoccolo duro del nostro pubblico) che ha “fatto passo”, un po’ per paura, molto per disabitudine (dettata dalla comodità del divano). Il calo maggiore si registra per gli spettacoli di prosa, mentre reggono (più o meno) i cosiddetti “one man show” per lo più comici, con protagonisti molto riconoscibili da un pubblico eterogeneo. A proposito di ciò, credo si debbano trovare nuove formule per interessare quelle generazioni che, normalmente, non frequentano il teatro e sono convinto che questo tipo di interesse debba partire dalla scuola, con azioni mirate (e non a caso, cosa che invece spesso accade) messe in campo da professionisti del settore coadiuvati da insegnanti. Non ho la bacchetta magica e non è certo questa la sede per trovare la soluzione, ma, di certo, gli operatori culturali devono fare un ragionamento ampio e aprire tavoli di relazione per discernere il problema che riguarda il teatro, uno degli elementi più identificativi del sistema culturale italiano.

Tornando allo stato di emergenza che termina, provando a eludere la confusione che normalmente accompagna questo genere di notizia, diciamo subito che dal 1 aprile prossimo, nulla cambierà per le sale teatrali e cinematografiche italiane. Si continuerà a frequentarle esibendo il green pass rafforzato e indossando la mascherina FFP2. Questa misura riguarda le sale al chiuso e rimarrà in vigore almeno fino al 30 aprile. Non è dato sapere cosa succederà dopo: presumibilmente si continuerà a monitorare la situazione per arrivare ad allentare gradualmente la morsa nel mese di maggio. Poi arriverà l’estate…

Pierluigi Iorio

 

 

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.